Apri il contoLa mia dashboard

Ultimi articoli

Contenuti
Contenuti

Codice tributo 3918: ecco come funziona il codice tributo per la quota comunale dell’IMU sulle seconde case

Condividi post

Codice tributo 3918

Il codice tributo 3918 è uno dei codici trib. che permette ai contribuenti di versare allo stato o agli enti locali le dovute tasse, tributi e contributi. 

In questo articolo analizzeremo le caratteristiche di questo codice tributo, il 3918, e i casi in cui i contribuenti devono utilizzarlo – oltre a fornire delle indicazioni utili per chi compila il modello F24

A cosa si riferisce il codice tributo 3918?

Il codice 3918 è uno dei codici da utilizzare per il versamento dell’IMU – Imposta Municipale Propria. 

Esistono infatti diversi codici tributo IMU, che differenziano il pagamento dell’imposta municipale propria a seconda del tipo di fabbricato e dell'utilizzo che se ne fa. 

Nel caso in questione, il codice 3918 dovrà essere usato per il versamento dell’IMU sulla seconda casa – dunque per quegli immobili che rientrano nella categoria “altri fabbricati”. 

Per essere ancora più specifici, questo codice non va utilizzato nei casi in cui: 

  • Si tratti dell’abitazione principale, a meno che questa non rientri nelle categorie catastali A1, A8 o A9.
  • Si tratti di un fabbricato rurale a uso produttivo o un terreno.

Il versamento dell’IMU con questo codice tributo andrà dunque effettuato da tutti coloro che devono versare la quota comunale dell’imposta per la proprietà di immobili non usati come abitazione principale – a meno che non si tratti di un palazzo, castello, immobile di lusso o signorile. 

Per tutti gli imprenditori e lavoratori autonomi che devono effettuare questo tipo di versamento alle casse comunali, FINOM offre un sistema molto semplice che permette di gestire facilmente la contabilità: il suo account business dà accesso alla gestione dei conti e all’integrazione dei propri sistemi di contabilità su un’unica piattaforma – sulla quale è possibile utilizzare anche il sistema di fatturazione FINOM. Inoltre, gli utenti possono richiedere le carte FINOM – sia virtuali che fisiche, e con un cashback fino al 3%.

Come funziona il pagamento dell’IMU

Questa imposta patrimoniale è divisa in due quote: la quota comunale e la quota statale. Il codice IMU 3918 si riferisce alla quota comunale.

L’imposta municipale propria si calcola in base ai dati catastali dell’immobile stesso: per ogni tipo di immobile esistono diversi moltiplicatori utili a calcolare la base imponibile, alla quale andrà applicata l’aliquota comunale. 

L’IMU si può pagare in due rate – con scadenze al 16 giugno e al 16 dicembre di ogni anno – ma il contribuente può decidere di pagare l’intera imposta in un’unica soluzione. 

É importante notare che qualora le scadenze non venissero rispettate, il contribuente ha a disposizione il cosiddetto “ravvedimento operoso”, che permette di regolarizzare il pagamento con sanzioni ridotte – per effettuare questa operazione sarà sufficiente utilizzare sempre il modello F24 e barrare la casella “Ravv” della sezione “IMU e altri tributi locali”. 

Come compilare il modello F24 utilizzando questo codice tributo

Secondo le informazioni fornite dall’Agenzia delle Entrate, la compilazione del modello F24 nel caso in cui si debba utilizzare il codice 3918 è molto semplice, ma vediamo quali sono le caselle da compilare – bisognerà utilizzare la “Sezione IMU e altri tributi locali”: 

  • La prima colonna deve essere utilizzata per inserire il codice del comune in cui è situato l’immobile;
  • Le caselle “Acc” e “Saldo” andranno barrate a seconda dei casi – “Acc” se il pagamento si riferisce all’acconto, “Saldo” se si riferisce al saldo. Vanno invece barrate entrambe le caselle se si decide di versare l’imposta in un’unica soluzione;
  • Nella casella “Num. immob.” andrà inserito il numero di immobili per il quale si effettua il versamento;
  • Nella casella relativa al codice tributo si inserirà il codice “3918”;
  • Dopo aver inserito l’anno di riferimento – per esteso – si potrà inserire l’importo del pagamento nella casella “Importi a debito versati” e calcolare i totali – includendo eventuali importi a credito.

Conclusioni

In questo articolo abbiamo parlato del codice tributo F24 3918, uno dei tanti codici tributo da utilizzare per il pagamento dell’imposta municipale propria – IMU. 

Si tratta di un codice che può essere comune a molti contribuenti, poiché va utilizzato nel caso del versamento della quota comunale dell’imposta relativa alle seconde case. 

Se vuoi conoscere altri tipi di codici tributo, di seguito troverai un elenco utile di codici da utilizzare nel modello F24:

Condividi post

Post correlati

Prova subito FINOM gratis

Il servizio di fatturazione elettronica semplice e con il servizio clienti più veloce in Italia

Provalo per €0