Spieghiamo cos'è il modello f24, dove trovarlo e come si compila, come e dove pagare il modello f24

Contenuti

Modello F24

Il modello F24 è un documento di fondamentale importanza per il sistema fiscale italiano: come vedremo nel corso di questo articolo, può essere utilizzato per pagare una gran numero di imposte, tasse e tributi. 

Continua a leggere per scoprire come funziona il modello F24, come si compila, e quali sono i mezzi messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate. 

Cos’è l’ F24?

Il modello F24 è un modulo che viene utilizzato per il versamento di tutte quelle somme di denaro dovute per pagare tributi, contributi e premi – in generale, per rimanere in regola con il sistema fiscale e previdenziale italiano. 

Questo modello è definito unificato perché è possibile utilizzarlo non solo per fare i versamenti, ma anche per beneficiare di crediti maturati nei confronti del fisco, e tutto attraverso un unico modulo. 

Come vedremo, il modello deve essere compilato correttamente per evitare di dover poi procedere con correzioni e rimborsi. 

È dunque fondamentale mantenere una corretta gestione contabile, poiché è l’unico strumento per calcolare correttamente imponibili e importi. 

Finom è un utile alleato se vuoi gestire la contabilità della tua attività in modo corretto e semplice. Il servizio di fatturazione Finom è estremamente intuitivo e disponibile anche da mobile, mentre l’account business ti permette di usufruire di servizi di contabilità più complessi – come la gestione dei conti aziendali e l’accesso alle carte Finom, con cashback fino al 3%. 

A cosa serve il modello F24 e quante tipologie ne esistono? 

Il modello F24 non serve solo a pagare imposte e tributi nazionali, ma anche comunali e addizionali regionali. 

I modelli F24 disponibili sono principalmente cinque: 

  • Modello ordinario: questo modello viene utilizzato per pagare le imposte sui redditi (sia che si tratti di persone fisiche che di ditte e società – anche società di capitali), eventuali addizionali e ritenute, imposte e tributi regionali e comunali, imposte sostitutive, IVA, imposte sui giochi, contributi previdenziali, tasse – anche scolastiche, diritti camerali, tutte le somme relative alla dichiarazione di successione (imposta sulle successioni, imposta ipotecaria, e anche eventuali sanzioni), imposta sui finanziamenti e le assicurazioni.
  • Modello semplificato: viene definito così perché la compilazione è più semplice, e viene utilizzato per le imposte erariali;
  • Il modello Enti Pubblici – che, come il nome suggerisce, viene utilizzato dagli enti pubblici;
  • Modello Elide: Elide sta per elementi identificativi, e viene utilizzato per tutti quei pagamenti che non possono essere integrati negli altri modelli.
  • Modello Accise – utilizzato per i contributi da versare a specifiche casse previdenziali di categoria e per i tributi dovuti all’ADM (Agenzia Dogane e Monopoli).

È possibile trovare tutti i modelli F24 sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Modello F24: chi lo paga e come compilarlo

L'F24 è un modello di pagamento utilizzato in Italia per effettuare versamenti a enti pubblici e privati. Chi lo paga dipende dalla natura e dall'entità del versamento che si desidera effettuare. Ad esempio, se si tratta di pagare tasse o contributi previdenziali, l'F24 sarà compilato e pagato dall'impresa o dall'individuo responsabile di tali obblighi.

Se invece si tratta di un versamento per una multa o una sanzione, l'F24 sarà compilato e pagato dalla persona o dall'impresa che ha commesso la violazione.

Il modello F24 è composto da varie sezioni, ognuna dedicata a una tipologia di pagamenti specifica. 

La prima parte del modulo è dedicata ai dati del contribuente, e andranno inseriti i dati anagrafici – nel caso di liberi professionisti e di soggetti diversi dalle imprese andranno inseriti i dati personali, mentre le imprese dovranno segnalare la ragione sociale; il codice fiscale e il domicilio dell’attività. 

Sono inoltre presenti le sezioni dedicate ai diversi enti e imposte: 

  • La sezione Erario, da utilizzare per tutte le imposte dirette, le ritenute e l’IVA;
  • La sezione dedicata all’INPS;
  • La sezione dedicata a tutte le imposte regionali;
  • La sezione dedicata a imposte e tributi da versare a livello locale – come l’IMU;
  • La sezione dedicata a tutti gli enti assicurativi e previdenziali che non riguardino l’INPS.

Dovrai inoltre inserire i codici tributo e identificativi: questi varieranno a seconda del tipo di pagamento, del regime fiscale adottato – ad esempio, coloro che aderiscono al regime forfettario dovranno utilizzare il codice 1791 per i pagamenti relativi alle seconde rate degli acconti o ai pagamenti in un’unica soluzione. I codici varieranno anche a seconda dei contributi previdenziali.

Dove posso trovare l'F24 e come posso pagare?

I contribuenti non titolari di partita Iva non sono obbligati a pagare in via telematica, ma possono scegliere di farlo o di pagare presso sportello degli agenti della riscossione (Agenzia delle Entrate-Riscossione e Riscossione Sicilia S.p.A.), banche o uffici postali. Il pagamento può essere effettuato in contanti o con assegni bancari e circolari, vaglia cambiari, carta Pagobancomat, assegni postali, assegni bancari su piazza, vaglia postali o carta Postamat.

Tutti i titolari di partita Iva sono invece obbligati a pagare il modello F24 in via telematica, tramite i servizi telematici dell'Agenzia delle Entrate, internet banking convenzionato con l'Agenzia o tramite intermediari abilitati ai canali telematici dell'Agenzia o intermediari che si avvalgono dei servizi di internet banking. Sul sito dell’Agenzia delle Entrate è disponibile un portale interamente dedicato al pagamento del modulo, e vengono messi a disposizione anche dei software gratuiti per la compilazione. 

Per pagare tramite i servizi telematici dell'Agenzia, è necessario essere utenti abilitati o avere un intermediario abilitato e, in caso di saldo maggiore di zero sul modello F24, possedere un conto corrente presso una delle banche convenzionate o presso Poste Italiane.

Questo fa sì che il modello F24 possa essere pagato in totale autonomia. Nonostante questo, in caso di dubbio sulla compilazione è possibile affidarsi a un professionista. Oggi sono inoltre disponibili svariati conti che permettono la compilazione e il pagamento in modo semplice, poiché propongono una migliore esperienza per l’utente – in questi casi è però necessario assicurarsi che gli operatori si servano di un intermediario abilitato, anche perché non tutte le banche sono convenzionate

Ricevi ogni settimana gli ultimi aggiornamenti sulle nuove tendenze di business

Conclusioni

Il modello F24 è un modulo che permette a ogni tipo di contribuente di essere in regola con il sistema fiscale e previdenziale italiano. Esistono svariate tipologie di questo modulo, utile non solo per i versamenti ma anche per usufruire di eventuali crediti fiscali, ma quello più comune è senza dubbio il modello F24 ordinario. 

Ultimi articoli