Apri il conto

Ultimi articoli

Contenuti
Contenuti

Modello F24: a cosa serve, caratteristiche, tipologie, modalità di pagamento

Condividi post

Modello F24

Il modello F24 è un documento di fondamentale importanza per il sistema fiscale italiano: come vedremo nel corso di questo articolo, può essere utilizzato per pagare una gran numero di imposte, tasse e tributi. 

Continua a leggere per scoprire come funziona il modello F24, come si compila, e quali sono i mezzi messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate. 

Cos’è l’ F24?

Il modello F24 è un modulo che viene utilizzato per il versamento di tutte quelle somme di denaro dovute per pagare tributi, contributi e premi – in generale, per rimanere in regola con il sistema fiscale e previdenziale italiano. 

Questo modello è definito unificato perché è possibile utilizzarlo non solo per fare i versamenti, ma anche per beneficiare di crediti maturati nei confronti del fisco, e tutto attraverso un unico modulo. 

Come vedremo, il modello deve essere compilato correttamente per evitare di dover poi procedere con correzioni e rimborsi. 

È dunque fondamentale mantenere una corretta gestione contabile, poiché è l’unico strumento per calcolare correttamente imponibili e importi. 

FINOM è un utile alleato se vuoi gestire la contabilità della tua attività in modo corretto e semplice. Il servizio di fatturazione FINOM è estremamente intuitivo e disponibile anche da mobile, mentre l’account business ti permette di usufruire di servizi di contabilità più complessi – come la gestione dei conti aziendali e l’accesso alle carte FINOM, con cashback fino al 3%. 

A cosa serve il modello F24 e quante tipologie ne esistono? 

Il modello F24 non serve solo a pagare imposte e tributi nazionali, ma anche comunali e addizionali regionali. 

I modelli F24 disponibili sono principalmente cinque: 

  • Modello ordinario: questo modello viene utilizzato per pagare le imposte sui redditi (sia che si tratti di persone fisiche che di ditte e società – anche società di capitali), eventuali addizionali e ritenute, imposte e tributi regionali e comunali, imposte sostitutive, IVA, imposte sui giochi, contributi previdenziali, tasse – anche scolastiche, diritti camerali, tutte le somme relative alla dichiarazione di successione (imposta sulle successioni, imposta ipotecaria, e anche eventuali sanzioni), imposta sui finanziamenti e le assicurazioni.
  • Modello semplificato: viene definito così perché la compilazione è più semplice, e viene utilizzato per le imposte erariali;
  • Il modello Enti Pubblici – che, come il nome suggerisce, viene utilizzato dagli enti pubblici;
  • Modello Elide: Elide sta per elementi identificativi, e viene utilizzato per tutti quei pagamenti che non possono essere integrati negli altri modelli.
  • Modello Accise – utilizzato per i contributi da versare a specifiche casse previdenziali di categoria e per i tributi dovuti all’ADM (Agenzia Dogane e Monopoli).

È possibile trovare tutti i modelli F24 sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Modello F24: chi lo paga e come compilarlo

Il modello F24 è composto da varie sezioni, ognuna dedicata a una tipologia di pagamenti specifica. 

La prima parte del modulo è dedicata ai dati del contribuente, e andranno inseriti i dati anagrafici – nel caso di liberi professionisti e di soggetti diversi dalle imprese andranno inseriti i dati personali, mentre le imprese dovranno segnalare la ragione sociale; il codice fiscale e il domicilio dell’attività. 

Sono inoltre presenti le sezioni dedicate ai diversi enti e imposte: 

  • La sezione Erario, da utilizzare per tutte le imposte dirette, le ritenute e l’IVA;
  • La sezione dedicata all’INPS;
  • La sezione dedicata a tutte le imposte regionali;
  • La sezione dedicata a imposte e tributi da versare a livello locale – come l’IMU;
  • La sezione dedicata a tutti gli enti assicurativi e previdenziali che non riguardino l’INPS.

Dovrai inoltre inserire i codici tributo e identificativi: questi varieranno a seconda del tipo di pagamento, del regime fiscale adottato – ad esempio, coloro che aderiscono al regime forfettario dovranno utilizzare il codice 1791 per i pagamenti relativi alle seconde rate degli acconti o ai pagamenti in un’unica soluzione. I codici varieranno anche a seconda dei contributi previdenziali.

Per ciò che riguarda i pagamenti dei modelli F24, per i titolari di partita IVA è possibile pagarli solo per via telematica: sul sito dell’Agenzia delle Entrate è disponibile un portale interamente dedicato al pagamento del modulo, e vengono messi a disposizione anche dei software gratuiti per la compilazione. 

Questo fa sì che il modello F24 possa essere pagato in totale autonomia. Nonostante questo, in caso di dubbio sulla compilazione è possibile affidarsi a un professionista. Oggi sono inoltre disponibili svariati conti che permettono la compilazione e il pagamento in modo semplice, poiché propongono una migliore esperienza per l’utente – in questi casi è però necessario assicurarsi che gli operatori si servano di un intermediario abilitato, anche perché non tutte le banche sono convenzionate

Conclusioni

Il modello F24 è un modulo che permette a ogni tipo di contribuente di essere in regola con il sistema fiscale e previdenziale italiano. Esistono svariate tipologie di questo modulo, utile non solo per i versamenti ma anche per usufruire di eventuali crediti fiscali, ma quello più comune è senza dubbio il modello F24 ordinario. 

Condividi post

Post correlati

Prova subito FINOM gratis

Il servizio di fatturazione elettronica semplice e con il servizio clienti più veloce in Italia

Provalo per €0