Accounting

Come ridurre le spese in azienda grazie alla fatturazione elettronica

Dal 1 gennaio di quest’anno noi piccoli e medi imprenditori, proprietari di negozi e di piccole e medie imprese, ci siamo ritrovati a dover fare i conti con la nuova legge sulla fatturazione elettronica.

Onestamente: all’inizio eravamo convinti che sarebbe stato un incubo, che fosse un modo per complicare tutto, come nella migliore tradizione italiana di una burocrazia sempre contro l’imprenditore e mai dalla sua parte.

Ma allo scadere quasi di un anno dall’uso della fatturazione elettronica ci siamo ritrovato a dover tirare le somme e a dover ammettere che la fatturazione elettronica ci ha costretto a cambiare delle abitudini e, grazie a questo, a risparmiare parecchie migliaia di euro solo questo primo anno.

I faldoni con le fatture: riconoscete questa immagine per caso?

Andiamo con ordine

Appena entrata in vigore la legge è stato chiaro che ci saremmo dovuti munire di un servizio per l’invio e la ricezione di fatture elettroniche. Ne abbiamo provati alcuni assurdamente complicati, altri assurdamente costosi e infine di recente abbiamo trovato il nostro preferito, economico e semplice da usare. Dal prossimo anno avremo tutto l’anno contabile su questo stesso servizio e siamo sicuri che l’organizzazione migliorerà ancora.

I servizi di fatturazione elettronica funzionano così:

  • inviano la fattura in formato elettronico all’SDI cioè al Servizio di Interscambio (cioè l’Agenzia delle Entrate), che verifica che la fattura sia corretta;
  • se la fattura è corretta viene accettata e inviata al cliente sul Suo cassetto fiscale;
  • se è stato inviato un codice destinatario, viene anche inviata sul servizio di fatturazione utilizzato dal cliente.

Ma dove è stato il vero risparmi grazie alle fatture elettroniche?

  • abbiamo eliminato la carta dedicata alle stampe;
  • abbiamo eliminato i faldoni per l’archiviazione;
  • abbiamo dato una migliore impressione di organizzazione ai nostri clienti, perché le fatture arrivavano puntuali e questo ha fatto aumentare la loro fiducia nella nostra azienda,
  • avendo digitalizzato le fatture, abbiamo potuto inviare dei reminder ai clienti per farci pagare le fatture in tempo
  • abbiamo velocizzato la riconciliazione bancaria, risparmiando sulle ore di lavoro del commercialista.

Nello specifico, la fatturazione elettronica ci ha aiutato soprattutto negli ultimi due punti.

Più o meno come era il mio ufficio prima della fatturazione elettronica

Siamo stati costretti fondamentalmente a tenere in ordine le nostre fatture e la cosa ci ha fatto rendere conto di quanti soldi abbiamo buttato negli anni sia in carta, fotocopie, toner, stampanti, sia a causa del disordine, delle fatture che possono perdersi, che arrivano in ritardo. L’SDI controlla le fatture che inviamo ai clienti e quelle che loro inviano a noi, per verificare che non ci siano errori: perciò siamo sicuri che le fatture siano corrette e siamo sicuri che le fatture che mandiamo per essere pagati non “si perdano inspiegabilmente” come spesso succedeva in passato.

Per concludere

Insomma per noi il bilancio della fatturazione elettronica è molto positivo. Sicuramente c’è da lavorare, soprattutto per spiegare a tutti noi come funziona nel dettaglio e per rendere meno laborioso il processo delle note di credito, ma siamo sulla buona strada e credo che per noi imprenditori sia una grande opportunità di digitalizzare le nostre aziende e quindi renderle più efficienti.

Provalo subito FINOM gratuitamente

Il servizio di fatturazione elettronica semplice e con il servizio clienti più veloce in Europa!

Pre-iscrizione

Post correlati

Accounting

Come la partita IVA può cambiarci la vita

È questa una delle domande più “difficili” a cui deve rispondere chi sta compiendo il suo ingresso nel mondo del lavoro o chi, dopo una lunga gavetta da dipendente e stanco di ricevere ordini dal proprio capo, decide di cambiare rotta e diventare libero professionista.